Dietro le linee

Quando ho parlato di Hiroo Onoda ( https://www.inutile-erudizione.it/hiroo-onoda/ ) ho concluso la sua storia con la frase: “Sono anni che cerco di recuperare una copia del suo libro, ma si vede che conosco solo librai sbagliati.”

Mi sbagliavo sul fatto che conosco solo i librai sbagliati.

 

Agevolo un’immagine che raffigura in modo adeguato un libraio giusto.

Il miglior regalo di Natale postdatato a sorpresa che mi abbiano mai fatto, specie considerando che dubito siano attualmente in commercio altre copie, arriva perlappunto da uno dei pochi ossolani a cui terrei spalancate le porte del mio bunker in caso di guerra nucleare.

‘Dietro le linee’ (la versione italiana di ‘Tatta hitori no 30 nen enso’) sono 241 pagine corredate da disegni e foto che descrivono in maniera superba gli straordinari avvenimenti accaduti a una delle Personalità Buffe che più mi hanno colpito sia quando ho scoperto la sua storia, sia quando ho dovuto scriverne.

“Per la prima volta, osservavo dall’alto il mio campo di battaglia. Perchè mai avevo combattuto laggiù per trent’anni? Per chi avevo combattuto? In nome di quale causa?
La baia di Manila era inondata dagli ultimi raggi del sole.”

Voto buffo: trenta samurai moderni che non credono che la guerra sia finita nemmeno quando è chiaramente finita da trent’anni su trenta.

Luca Porrello

Vivo in un bosco. Soffro di insonnia. La combatto scrivendo (e bevendo).E' partito tutto così.Se vi è piaciuto quello che avete letto cercate Personalità Buffe anche su Facebook.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: